Politiche giudiziarie

Con politiche giudiziarie si intendono gli orientamenti e le decisioni che il parlamento, il governo, il Consiglio superiore della magistratura (CSM) e le autorità giudiziarie e penitenziarie assumono in materia di giustizia penale e civile e di carcere. La locuzione mette l’accento sulla natura politica delle opzioni adottate in questo campo, frutto di maggioranze, mediazioni e contrattazioni. Il concetto di politica giudiziaria, in questo senso, si distingue nettamente da quello di giustizia politica, che definisce invece l’utilizzo a fini politici di indagini e processi.

Il centro della politica giudiziaria del governo è il ministero della Giustizia a cui spettano “l’organizzazione e il funzionamento dei servizi relativi alla giustizia” (art. 110 Costituzione) e che si occupa, tra l’altro, dell'organizzazione dei palazzi di giustizia (magistrati, funzionari, personale) e dei penitenziari. All’interno del ministero, troviamo ad esempio la Direzione per gli affari penali (Dap) incaricato della gestione di carceri e personale. 

In parlamento, le commissioni Giustizia di Camera e Senato, in alcuni casi insieme alla commissione Affari costituzionali, si occupano dei disegni di legge in materia civile e penale (reati e sanzioni collegate) e relativi all’ordinamento giudiziario, al personale e ai servizi del ministero della Giustizia. 

Secondo l’articolo 103 della Costituzione, spettano invece al Csm “le assunzioni, le assegnazioni ed i trasferimenti, le promozioni e i provvedimenti disciplinari nei riguardi dei magistrati”.

Fabiana Dadone (Foto Governo - licenza CC-BY-NC-SA 3.0 IT)

Droghe, Dadone: "La Fini-Giovanardi ha fallito"

Il Piano di azione nazionale dipendenze 2022-2025, figlio della Conferenza sulle droghe di Genova, è pronto. La ministra uscente ne anticipa a lavialibera alcuni contenuti, promettendo di inserirlo in un decreto ministeriale prima di lasciare …

Rosita Rijtano

Rosita RijtanoRedattrice lavialibera

(Element5 Digital/Unsplash)

Elezioni 2022, ambiente, migranti, giustizia e carceri nei programmi

La destra dice sì al nucleare, la sinistra punta sulle rinnovabili. Ma l'argomento che più più allontana i due poli rimane la migrazione. Tutto quello che c'è da sapere sui programmi elettorali, in vista delle elezioni politiche del 25 settembre 2022

Rosita Rijtano

Rosita RijtanoRedattrice lavialibera

(Element5 Digital/Unsplash)

Referendum sulla giustizia: su cosa si vota il 12 giugno

Domenica 12 giugno urne aperte per votare i cinque quesiti del referendum sulla giustizia e sulla magistratura promossi dai Radicali e dalla Lega: incandidabilità dei condannati, misure cautelari, separazione delle funzioni, valutazioni …

Redazione <br> lavialibera

Redazione
lavialibera

Il nuovo procuratore nazionale antimafia, Giovanni Melillo, il 15 luglio scorso alla cerimonia di consegna dei Premio Ammaturo in memoria del vice questore ucciso con l'agente Pasquale Paola nel luglio del 1982 (Ciro Fusco/Ansa)

Giovanni Melillo è il nuovo procuratore nazionale antimafia

Il procuratore di Napoli Giovanni Melillo guiderà la Direzione nazionale antimafia. Il Csm ha preferito lui al magistrato calabrese Nicola Gratteri e a Giovanni Russo: "Curriculum più completo"

Andrea Giambartolomei

Andrea GiambartolomeiRedattore lavialibera

La Corte di Cassazione. La Direzione nazionale antimafia è incardinata nella procura generale (Michele Bittetto/Unsplash)

Tre candidati per la Direzione nazionale antimafia

Giovanni Melillo, Nicola Gratteri e Giovanni Russo sono i tre candidati in lizza per il posto da procuratore nazionale antimafia come successori di Federico Cafiero De Raho

Andrea Giambartolomei

Andrea GiambartolomeiRedattore lavialibera

Guardiamo il mondo
con occhi diversi

Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage.
Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar