Migranti arrivano via mare. Foto: Sandor Csudai/Asgi
Migranti arrivano via mare. Foto: Sandor Csudai/Asgi

Accogliere o respingere persone

L'Italia ha ammesso 151mila profughi ucraini. Segno che una diversa gestione delle migrazioni è possibile, ma continuiamo a discriminare chi scappa da altri rischi e altre guerre

Caterina Bove

Caterina Boveavvocata

Luca Rondi

Luca RondiOperatore area vittime del Gruppo Abele e giornalista

21 settembre 2022

L'accoglienza dei profughi dall’Ucraina ha rivelato l’ottusità delle scelte politiche italiane ed europee, mostrando le crepe più profonde e insensate del nostro sistema di asilo. Ha reso evidente tutto ciò che sarebbe possibile fare e che invece non facciamo, continuando a gestire le migrazioni come un’emergenza temporanea. Ha dimostrato che una diversa gestione delle migrazioni è possibile, anche quando il flusso è improvviso e consistente, rendendo palesi le disparità di trattamento riservate a chi scappa da altri pericoli e altre guerre, o persino dalla stessa guerra. Mentre agli ucraini è stato concesso di spostarsi liberamente nell’area Schengen, centinaia di migranti di origine africana e medio-orientale sono stati bloccati alle frontiere interne ed esterne dell’Unione europea. Mentre gli ucraini hanno trovato sportelli a loro dedicati, i richiedenti asilo di altri Paesi hanno trascorso giorni in fila davanti alle questure per poter presentare domanda di protezione internazionale, ricevendo in alcuni casi persino delle multe per bivacco.
I sentimenti di empatia e solidarietà non si possono instillare con leggi e ordinanze, ma una gestione ordinata e serena dell’accoglienza permette di orientare in modo positivo gli umori e la disponibilità della società ospitante, rendendo l’accoglienza stessa – oltre che un atto dovuto – il presupposto per un effettivo e tempestivo inserimento sociale, un investimento sul futuro degli ospitati e di chi accoglie. I cittadini ucraini hanno trovato una società accogliente, una burocrazia semplificata e servizi adeguati. Tranne qualche eccezione, non abbiamo inventato nulla. Abbiamo solo scelto di potenziare o rendere effettivo quanto era già previsto dalle leggi.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar