Foto di Markus Spiske/Unsplash
Foto di Markus Spiske/Unsplash

Europa al caldo, proposta folle: "Polveri inquinanti in atmosfera per raffreddare la Terra"

C'è chi propone di sparare polveri di solfati in atmosfera per abbassare le temperature, ma sarebbe una strategia dannosa che avrebbe conseguenze deleterie per ambiente e persone

Antonello Pasini

Antonello PasiniFisico climatologo del Cnr

1 maggio 2024

  • Condividi

Se nell’ultimo secolo, a livello medio globale, la temperatura alla superficie del pianeta si è innalzata di circa 1,2 °C, l’Italia ha registrato un aumento doppio, e lo stesso vale per l’Europa, dove l’incremento è piuttosto simile a quello nostrano. Che le terre emerse si riscaldino più della media globale è abbastanza  normale, in quanto la superficie terrestre è composta per due terzi di mari e oceani che, come diciamo noi fisici, hanno una capacità termica maggiore dei suoli e dunque, a parità di energia incamerata, si riscaldano meno. Al passare del tempo, quindi, la loro temperatura aumenta più lentamente.

Crisi climatica, piantare gli alberi non basta

Tuttavia, ciò non è sufficiente a spiegare il forte incremento di temperatura in Italia ed Europa. Per l’Italia, in particolare, la situazione è chiara: il riscaldamento globale di origine antropica ha determinato l’espansione della cella equatoriale della circolazione atmosferica generale verso nord e sempre più spesso il nostro Paese è investito da anticicloni africani e dalle ondate di calore. Questi anticicloni si espandono al resto dell’Europa centro-settentrionale solo in alcuni casi: come si spiega allora un incremento di temperatura così marcato nel Vecchio continente?

Il ruolo dell’inquinamento

Studi recenti hanno mostrato che il ruolo dell’inquinamento dell’aria nei bassi strati, in particolare quello dovuto alle polveri di solfati, è sottostimato. Tali polveri hanno un potere raffreddante, in quanto riflettono parte della luce solare e non fanno arrivare interamente al suolo la sua energia: la terra si scalda meno e si raffredda anche la temperatura dell’aria in superficie. I solfati derivano da combustioni fossili molto “sporche”, contenenti alte quantità di zolfo, che negli ultimi decenni in Europa si sono ridotte grazie a leggi pensate per tutelare la salute umana. Ciò ha però favorito l’ingresso di una quantità maggiore di energia solare, che a sua volta ha prodotto un riscaldamento maggiore rispetto ai decenni precedenti.

"I solfati derivano da combustioni fossili 'sporche', contenenti alte quantità di zolfo, che negli ultimi decenni in Europa si sono ridotte grazie a leggi pensate per tutelare la salute"

Credo sia necessaria una riflessione. Si dice che all’uomo piacciano soprattutto le soluzioni “additive”, cioè che aggiungono anziché sottrarre (lo si è scoperto in tanti studi sociologici e psicologici). Si sarebbe dunque portati a parlare di crescita e non di decrescita, di aumento e non di diminuzione, almeno fin tanto che l’aumento non ci danneggi (vedi le polveri di solfati). Addirittura, c’è chi vorrebbe sparare polveri raffreddanti di questo tipo in atmosfera per fermare l’innalzamento della temperatura indotta da un altro aumento, quello dei gas serra.

Il pianeta ha la febbre

Una strategia deleteria perché stravolgerebbe il ciclo dell’acqua, con interi sub-continenti che potrebbero divenire dei deserti e centinaia di milioni di persone che sarebbero costrette a migrare. L’unica soluzione ai problemi del cambiamento climatico rimane quella di ridurre le emissioni climalteranti, per una volta sottraendo e non addizionando.

Da lavialibera n° 26

  • Condividi

La rivista

2024 - numero 27

Fame chimica

Non solo fentanyl, in Europa cresce la dipendenza da farmaci e nuove droghe. Diversi tipi di oppiaceo, oltre l'eroina, sono documentati nel 74 per cento delle morti per overdose in Europa, spesso in combinazione con alcol e altre sostanze. In Italia, record di 15-19enni che nell'ultimo anno hanno fatto uso di psicofarmaci senza prescrizione medica: nel 2023 sono stati oltre 280mila.

Fame chimica
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar