Crisi climatica, la foresta amazzonica è definito il "polmone del mondo". Foto: wikicommons
Crisi climatica, la foresta amazzonica è definito il "polmone del mondo". Foto: wikicommons

Crisi climatica, piantare gli alberi non basta

Aumentare il numero delle piante è importante, ma non può essere la soluzione giusta per fermare il riscaldamento globale

Antonello Pasini

Antonello PasiniFisico climatologo del Cnr

21 dicembre 2023

Gli alberi hanno un ruolo fondamentale sul nostro pianeta: non è un caso che l’Amazzonia, la foresta più estesa, sia chiamata "il polmone della Terra". Del resto noi tutti possiamo apprezzarne la presenza, in campagna, ma anche in città: gli alberi hanno capacità di mitigazione delle temperature estreme, di assorbimento (insieme al terreno su cui si trovano) delle precipitazioni più violente, di rimozione dell’anidride carbonica dall’atmosfera e conseguente stoccaggio del carbonio nel loro in tronchi, rami e foglie. E, dato questo ultimo ruolo, possono anche aiutarci a fermare l’aumento della temperatura globale.

La rivista

2023 - numero 24

La pace è un altro gioco

Non esiste una sola pace, ma paci diverse, al plurale. Giuste e ingiuste, stabili e instabili. Per costruirle ci vogliono impegno e fatica, perciò le guerre è meglio prevenirle che curarle

La pace è un altro gioco
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar