Icam di Torino. Foto di Marco Panzarella
Icam di Torino. Foto di Marco Panzarella

Bambini in carcere, un sistema da cambiare

In Italia le mamme detenute e i loro figli possono vivere insieme in spazi dedicati, spesso all'interno dei penitenziari. L'alternativa sono le case famiglia protette: una proposta di legge chiede finanziamenti per renderle operative

Natalie Sclippa

Natalie SclippaRedattrice lavialibera

Aggiornato il giorno 29 aprile 2022

  • Condividi

"Mai più bambini in carcere". La ministra della Giustizia, Marta Cartabia, ha lanciato l’appello lo scorso dicembre, durante il rinnovo della Carta dei diritti dei figli di genitori detenuti, per poi ripetersi due mesi dopo dinanzi alla Commissione parlamentare per l’infanzia, segno che la questione le sta particolarmente a cuore. "Occuparsi delle detenute madri – ha spiegato – vuol dire occuparsi dei bambini innocenti che, loro malgrado, sono costretti a conoscere e sperimentare il carcere. Reclusi loro stessi, insieme alle madri".
Oggi in Italia vivono in regime detentivo 16 donne e 19 bambini (come sottolineato nell'ultimo rapporto di Antigone) e la maggior parte di loro risiede negli Istituti di custodia attenuata per detenute madri (Icam), strutture nate con la legge 62 del 2011 che, almeno nelle intenzioni, avrebbe dovuto garantire ai minori fino ai sei anni (in alcuni casi fino ai dieci) la convivenza con la madre in spazi lontani dal carcere. Nel nostro Paese, al momento, ne esistono cinque: a Milano, Torino, Venezia, Lauro (Avellino) e Senorbì (Cagliari), quest’ultimo mai entrato in funzione perché “boicottato” dalle mamme stesse che, temendo di rimanere troppo isolate, hanno preferito restare nelle loro celle a Cagliari e Sassari. A Milano, Torino e Venezia gli Icam sorgono addirittura all’interno del carcere ed è impossibile per i bambini, che si muovono a due passi dalle altre celle e devono oltrepassare i cancelli per andare a scuola, non respirare l’aria del penitenziario. "L’Icam nasceva con l’idea di una struttura fuori dal carcere, ma si sta carcerizzando sempre di più", spiega a lavialibera Daniela de Robert, vicegarante nazionale dei diritti delle  persone private di libertà personale. 

Armando Punzo, Compagnia della Fortezza: "Vado in carcere per fare teatro, non la carità"

Un modello differente

Un’alternativa esiste ed è rappresentata dalle case famiglia protette, edifici riconvertiti per ospitare le mamme e i loro figli in un contesto che con la prigione non ha nulla a che vedere. Oggi ne esistono due, una a Roma e l’altra a Milano. La Casa di Leda, voluta dalla giunta Marino, sorge in un bene confiscato alla criminalità organizzata ed è gestita pubblicamente mentre quella del capoluogo lombardo è diretta da un privato convenzionato. Il modello funziona, ma necessita di organizzazione, finanziamenti e, soprattutto, di un cambiamento culturale. "Dei bambini in carcere ci scandalizziamo sempre tutti, ma poi nessuno vuole avere queste strutture nel proprio quartiere. Non dimentichiamoci che bisogna anche sensibilizzare i cittadini, in tanti pensano siano pericolose", avverte de Robert.
Paolo Siani, deputato del Partito democratico, è il promotore di una proposta di legge che, fra le altre cose, prevede l’obbligo per lo Stato di finanziare queste strutture e per il ministero della Giustizia di stipulare convenzioni con gli enti locali per individuare gli spazi idonei. "Ho cercato di capire come poter migliorare la norma 62/2011 e dare a questi bambini almeno una parvenza di normalità. Spesso, come nel caso della Casa di Leda a Roma, si tratta di una soluzione abitativa addirittura migliore rispetto a quella in cui hanno vissuto prima. Le modifiche vogliono impedire che i bambini varchino la soglia del carcere". 
C’è un altro aspetto da risolvere: di frequente le autorità sono informate della presenza di un minore solo dopo l’arresto della madre. Ecco perché è necessario inserire una voce all’interno del verbale che permetta di pianificare subito il percorso migliore. 

Sul palco per punizione, così il teatro ha salvato Alessandro dalle sirene della camorra

Problemi di fondo

"Non esistevano finanziamenti ad hoc - continua Siani - nella legge di bilancio di due anni fa passò un emendamento per stanziare quattro milioni e mezzo di euro da destinare, dal 2021 al 2023, a nuove case famiglie protette nelle regioni in cui erano già presenti gli Icam". E anche per quanto riguarda gli Istituti, il rischio è che il sottoutilizzo o il loro totale inutilizzo siano percepiti come un costo inutile.
Infine, un altro aspetto da non sottovalutare riguarda il bilanciamento tra la tutela dei minori – il diritto a non essere privati della libertà – e quella alla genitorialità. "La possibilità di tenere i figli fino ai dieci anni va in questa direzione – conclude de Robert – la priorità sono sempre i più piccoli, ma dobbiamo anche superare lo stigma che una donna detenuta sia una cattiva madre".

Da lavialibera n°13

  • Condividi

La rivista

2022 - numero 14

Trent'anni dopo

A trent'anni dalle stragi di Capaci e di via D'Amelio, lavialibera propone a lettrici e lettori un numero speciale: una riflessione a più voci sugli anni che ci separano dalla morte di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Un antidoto contro la retorica delle celebrazioni

Trent'anni dopo
Vedi tutti i numeri

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar