Torino, attivisti ascoltano la seduta del consiglio regionale aperto. Foto: Extinction rebellion
Torino, attivisti ascoltano la seduta del consiglio regionale aperto. Foto: Extinction rebellion

Piemonte, nucleare e idrogeno per la transizione ecologica

Il consiglio regionale aperto ha approvato le proposte di Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia. Le decisioni sono in contrasto con le richieste delle associazioni ambientaliste e con gli esperti intervenuti sulla crisi ecoclimatica

Natalie Sclippa

Natalie SclippaRedattrice lavialibera

23 febbraio 2022

  • Condividi

Nucleare di ultima generazione, idrogeno e termovalorizzatori: su questo punta il consiglio regionale del Piemonte per contrastare la crisi ecoclimatica e per la riduzione delle emissioni. Dopo dieci ore di seduta aperta, il 22 febbraio sono passati solamente i tre punti all’ordine del giorno proposti da Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia. Respinte, invece, tutte le proposte dell’opposizione. Fuori da Palazzo Lascaris, gli attivisti delle associazioni ambientaliste e di Extinction rebellion hanno seguito in streaming la diretta. All’intervento di Ruggero Reina, che per otto giorni è rimasto in sciopero della fame (e che abbiamo intervistato qui) per chiedere un confronto con le istituzioni, ha risposto l’assessore Marnati: “Va bene protestare, è giusto, siete giovani, non dico di non farlo (...) ma bisogna essere costruttivi perché il momento della consapevolezza lo abbiamo già superato”.

"Zero omissioni": il numero de lavialibera sul cambiamento climatico

La delusione delle associazioni e dei movimenti ambientalisti è molta. Di tutti gli atti sul tavolo, gli unici accolti vogliono in indirizzare il governo verso una nuova politica energetica nazionale, attraverso un “modello graduale e non ideologico di transizione ecologica”. Per la maggioranza di centrodestra che guida il Piemonte, da un lato si tratterebbe di un modo per salvaguardare i posti di lavoro, soprattutto nel settore dell’automotive (ambito molto sentito in una città come Torino, a lungo "company town" della Fiat), dall’altro permetterebbe di accedere ai fondi comunitari per il periodo 2021/2027. Un incentivo arriva anche per l'estrazione di gas naturale italiano. Una linea in controtendenza rispetto agli interventi degli esperti e degli scienziati, come i professori universitari Claudio CassardoAlberto Poggio e il climatologo Luca Mercalli, chiamati a sintetizzare la situazione durante il dibattito.

"Cina e India sono i veri responsabili delle emissioni" Alberto Preioni - Capogruppo Lega

L'industria fossile, l'elefante nella stanza

Marco Grimaldi, capogruppo di Liberi uguali verdi, è contrariato dall’ennesima occasione persa: “Altro che green-washing: se volevano rendersi i nemici numeri uno dell’ambiente della Pianura Padana ci sono riusciti. Sanno di essere forze di contrasto alla salvaguardia del pianeta ed evidentemente se ne compiacciono. La cosa grave è che così condannano anche il Piemonte ad essere la maglia nera della transizione ecologica dell’economia”. Alberto Preioni, capogruppo della Lega, invece, sposta l’attenzione sui grandi Paesi asiatici, come India e Cina, tacciati di essere i veri responsabili delle emissioni climalteranti.

"Non ci fidiamo di voi" Le proteste di Extinction rebellion contro i silenzi del governo

Si rimette così a Roma la responsabilità di guidare la transizione ecologica ed energetica, aumentando la produzione da fonti alternative, senza considerare le rinnovabili. Legambiente ribatte: “È stata indicata la via più sbagliata, accusando gli ambientalisti di ideologismo. Nella realtà, l’approvazione dei tre ordini del giorno è macchiata da bassissime ragioni di bandiera e appartenenza politica”. A farne le spese, il pianeta.

Crediamo in un giornalismo di servizio ai cittadini, in notizie che non scadono il giorno dopo. Aiutaci a offrire un'informazione di qualità, sostieni lavialibera
  • Condividi

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar